La diagnostica visiva

La diagnostica visiva è una metodica antica, tramandata da secoli, che si avvale della medicina classica, della medicina tradizionale cinese, della fisiognomica, della psicosomatica, delle riflessoterapie.  
E' una tecnica di diagnosi che permette di avere un approccio diagnostico integrativo osservando mani, unghie, capelli, occhi, viso e lingua del paziente. 
Le conformazioni strutturali come quelle del viso o delle mani possono rimanere inalterate nonostante una corretta terapia. Le labbra strette, per esempio, non s'ingrossano se il paziente guarisce, e sono sempre indice costituzionale dei suoi punti di debolezza organica. 
La lingua, le unghie, le palpebre e gli inestetismi cutanei quali rossori, edemi e dermatiti, migliorano quando gli organi di riferimento si riequilibrano 
Ciò consente di valutare sia l'organo costituzionalmente più debole, e quindi una predisposizione ad un tipo di patologia, sia lo squilibrio di un apparato in atto.
Alcune volte abbiamo in un paziente svariati sintomi, senza valori clinici alterati. In questi casi la diagnostica visiva e l'anamnesi diventano fondamentali, poiché il corpo del soggetto comunica quali organi sono in disfunzione. Essa, dunque, oltre a diagnosticare i sintomi stessi, aiuta nella prevenzione di patologie che potrebbero diventare più gravi.
Prima di emettere una diagnosi osserviamo più parti del corpo che confermano la stessa anomalia. Avvisiamo il paziente, che è miglior medico di sé stesso, e lo induciamo a ragionare su malattie che, pur lontane nel tempo, possono essere collegate tra loro. 
È utile interrogare in modo apparentemente discorsivo, con domande quali: ” Lei ha mai sofferto di mal di testa, lombalgie…? Ha mai avuto difficoltà digestive? Dolori allo stomaco o all'intestino…? Ha accusato problemi urinari, mestruali o respiratori…?” La persona confermerà o meno i nostri sospetti e avremo così la possibilità indirizzarci verso una terapia mirata. 
Per questo ho pensato di pubblicare un atlante di diagnostica visiva illustrato con foto e disegni che rendano immediata la comprensione della forma delle mani abbinata alla tipologia, che sappiano spiegare il significato della forma delle unghie, delle pieghe e rughe del viso, del colore dell'iride, delle alterazioni della lingua. 
Potrà essere un ausilio a quanti, nella loro professione, non vogliono soffermarsi ad una terapia sintomatica, ma lavorare sugli organi che con la loro debolezza costituzionale sono causa delle patologie in atto. 
Il libro è rivolto anche a chi vuole migliorare le proprie conoscenze sul funzionamento di questa meravigliosa macchina, che è il nostro corpo.

"Tratto dall'introduzione dell' ”Atlante illustrato di diagnostica visiva” del Dott. Giovanni Angilè"

Free Joomla! template by Age Themes